Finita l’era delle pappine, bisogna dare del cibo solido ai nostri figli, analizziamo quando, cosa e come servire i primi cibi al bambino.
Quando il tuo piccolo è pronto per iniziare a mangiare cibi solidi, lui o lei mostrerà alcuni segni rivelatori. Per quanto emozionante e divertente possa essere questo viaggio, ricorda che prima del primo morso del bambino è importante avere tutti i segnali per capire se tuo figlio è pronto. Ecco su cosa prestare attenzione:

Osserva se il bambino è seduto in modo indipendente o in grado di posizionarsi seduto senza assistenza in un seggiolone: quando un bambino mangia, è molto importante che abbia il controllo del collo. Questo ha a che fare con la loro capacità di deglutire correttamente. Quando è il momento di mangiare, i bambini devono stare in piedi, mai sdraiati o reclinati.

Il bambino mostra interesse per il cibo: il bambino sta gradendo quello che sta mangiando? Fa rumori e mostra eccitazione o entusiasmo per quello che mangia? Se è così, puoi spuntare questa casella.

Il bambino sta mettendo i giocattoli in bocca : il tuo bambino sta cominciando ad afferrare i giocattoli e se li mette in bocca? Questa è una serie di abilità che aiuta il bambino ad iniziare il processo di auto alimentazione.

Osservare i segni di prontezza aiuterà te e il tuo bambino a fare una buona esperienza all’inizio del viaggio. Se il tuo bambino non mostra interesse, non preoccuparti. Invece, riprova il prossimo pasto o giorno. Mantenere il processo di alimentazione il più privo di stress possibile, perché il bambino sta raccogliendo i tuoi segnali. In caso di dubbio, assicurati di leggere questo articolo, è pronto per iniziare i solidi?

Come iniziare a scegliere gli alimenti
Attenzione alle allergie. La tua famiglia ha un rischio di allergia? Se la risposta è no, inizia con 1-3 alimenti il primo giorno. Se noti segni di una reazione allergica (vomito, eruzione cutanea o diarrea), fermati con questi alimenti e contatta il pediatra. Se il tuo bambino non mostra alcuna reazione al cibo, che è più comune, prova dei nuovi alimenti il giorno successivo.
Se la tua famiglia ha una storia di allergie, assicurati di consultare il pediatra. Il medico di tuo figlio potrebbe incoraggiarti a provare prima gli alimenti ad alto tasso di allergene, uno alla volta per quattro giorni per vedere se c’è una reazione.
5 alimenti per iniziare
Da un punto di vista nutrizionale, sarebbe consigliabile iniziare individuando cibi ad alto contenuto di ferro, vitamina C (che aiuta l’assorbimento del ferro) e grassi. Si raccomanda inoltre di affrontare quei cibi ad alto tasso di allergene (noci, molluschi, latticini, soia, grano e mais) entro il primo o il secondo mese di consumo.

Manzo o agnello: fai la tua scelta, entrambi sono ricchi di ferro e un ottimo primo piatto sia come bistecca che come purè.
I carboidrati della pastina: nella dieta mediterranea sono indispensabili per riequilibrare le proteine e gli zuccheri.
Patate: contengono vitamine A e C, le patate sono deliziose e facili da cuocere al vapore o ridotte in purea.
Yogurt naturale: è un’ottima fonte di probiotici, calcio e grassi essenziali.
Uova: contengono con vitamina D, ferro, colina e grassi essenziali, le uova sono un eccellente primo alimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *